Obiettivi - i partecipanti imparano a:
Localizzare anatomicamente 55 punti.
Descrivere come il Jin Shin Do® è stato pensato per ottenere un trattamento generale oltre che per sciogliere tensioni specifiche.
Dimostrare le serie di punti per risolvere problemi comuni come tensione alla testa, al collo, alle spalle, alla schiena, all'addome, alle pelvi ed alle estremità.
Processare, in modo semplice, le sensazioni e le immagini che possono affiorare dal corpo durante la digitopressione.
Eseguire movimenti che facilino il tempo e l'equilibrio strutturale - energetico.
Identificare gli 8 Vasi Curiosi o Straordinari e descrivere il loro uso per riequilibrare l'energia e per creare un rilassamento generale.
Programma:
Principi di digitopressione. 
Tecniche di pressione. I tre segnali di rilascio di un punto. 
Processo delle armature. 
Teoria dei punti locali e distali. 
Esercizi "Pal Dan Gum". 
Tecniche di pressione. 
Metodo di rilascio dei segmenti. 
Tecniche di messa a fuoco del corpo per facilitare il rilascio delle tensioni.
Il contatto. 
Gli effetti del linguaggio. 
Gli 8 Vasi Curiosi o Meridiani Straordinari.

 

Info & Prenotazioni: massimocerbara@aliceposta.it  349 1495979

lacasadeltao@gmail.com


Jin Shin Do®, "la Via dello Spirito Compassionevole", è un metodo di lavoro psicocorporeo unico nel suo genere, è un vero e proprio connubio tra teorie di agopuntura, psicologia occidentale e filosofia taoista. Venne sviluppato da Iona Marsaa Teeguarden, M.T., M.A., L.M.F.C.C., nei primi anni Settanta. JSD è moderno ed allo stesso tempo fedele alla teoria tradizionale dell'agopuntura e della digitopressione antica di 5000 anni e sviluppata dai filosofi taoisti come metodo per mantenere la salute e promuovere la longevità.

Iona iniziò a studiare le discipline orientali negli anni Settanta ed esattamente con la macrobiotica nel 1971. Collaborando con Michio Kushi conobbe vari maestri di agopuntura e di digitopressione tra cui Jacques De Langre, autore di uno dei primi libri (in inglese) sul "Do In" (auto trattamento di digitopressione), Jean-Claude Thomas, un agopuntore francese ricercatore sulle associazioni esistenti tra emozioni e meridiani, e Mary Burmeister, praticante ed insegnante di "Jin Shin Jyutsu", una tecnica popolare giapponese insegnata in Giappone dal Maestro Jiro Murai.

Iona fu attratta dalle similitudini esistenti tra i "flussi" utilizzati in Jin Shin Jyutsu ed i "Vasi Curiosi," detti anche "Canali Meravigliosi", utilizzati in agopuntura ed in digitopressione. Dedicò parecchi anni alla ricerca su questo argomento e studiò la teoria dei meridiani e la localizzazione dei punti con vari maestri agopuntori, approfondendo così anche gli aspetti emozionali e gli effetti sul corpo-mente dei meridiani. 

Man mano la ricerca progrediva, Iona notava le similitudini esistenti tra l'approccio alla psiche tipico del Taoismo ed il concetto della tensione psicosomatica descritta dallo psicoterapista tedesco Dott. Wilhelm Reich. Egli osservò come le espressioni emotive represse (o le sensazioni fisiche correlate) creassero tensioni croniche ("armatura") strutturate ad anelli ("segmenti"). Tale armatura tende ad interrompere il flusso di ciò che egli chiamava "energia orgonica", essenziale per la vita e la salute.

Iona riconobbe che ciò di cui Reich parlava era praticamente identico al concetto del "QI", l'energia che scorre nei meridiani.

Il rilascio della stasi del Qi nei meridiani che scorrono attraverso un determinato segmento potrebbe pertanto generare uno sblocco delle armature di quest'ultimo, ristabilendo così armonia e salute nel tessuto.

 

L'agopuntura e la di digitopressione lavorano principalmente con l'idea che il Qi (energia) fluisca lungo percorsi longitudinali. I testi classici infatti descrivono un "telaio" tra il cielo e la terra in cui il corpo è "intrecciato". Alcuni meridiani partono dalle dita dei piedi e salgono al cielo mentre altri partono dalla punta delle dita delle mani e scendono verso la terra.

Jin Shin Do® è l'unico metodo che riconosce l'esistenza di condizioni di blocco trattenute orizzontalmente (i segmenti di "Reich") che interrompono il flusso armonioso dei meridiani. Quando Qi torna a fluire nei segmenti, la persona impara a trasformare i sentimenti dolorosi anziché reprimerli. 

 

Questo processo può avvenire in modo sicuro, naturale e spesso piacevole tramite una pressione che aiuti l'apertura degli aspetti più profondi del corpo, della mente e dello spirito.


                       Jin Shin Do® “Un’esperienza interiore”

 

Emozioni represse, comportamenti controllati, un corpo rigido e scoordinato. Impieghiamo così tanta energia per frenare emozioni negative che diveniamo incapaci di vivere anche quelle positive. Esiste una tecnica semplice, delicata, la Digitopressione Jin Shin Do® che offre una Via Naturale per affrontare gli stress emozionali e fisici della vita. 

 

Jin Shin Do® (la "Via dello Spirito compassionevole") è una sintesi eccezionale di tecnica classica giapponese di digitopressione, teoria di medicina tradizionale cinese, teoria dei segmenti di Reich, filosofia taoista ed esercizi Qigong. Questa tecnica, creata da Iona Marsaa Teeguarden, M.A., L.M.F.T., identifica una serie di punti tesi sul corpo e li associa ad alcune problematiche comuni di tipo fisico e di tipo psichico quali ansia, depressione, sensi di colpa e rabbia. Essa insegna inoltra a rilasciare le tensioni fisiche ed emotive trasformando, anziché sopprimere, gli stati d'inquietudine conducendo ad una vita più gioiosa ed armoniosa. 

 

Il termine "digitopressione" include tutte le tecniche che utilizzino la pressione delle dita applicata su "punti" col fine di ridurre la tensione e ristabilire l'equilibrio energetico. I metodi di digitopressione sono vari, da semplici e sintomatici a sofisticati e profondamente terapeutici. Jin Shin Do include ambedue questi aspetti e per questo puú essere utilizzato come strumento di auto trattamento oppure nel campo terapeutico professionale. Esso stimola un profondo senso di rilassamento, incrementando la consapevolezza del corpo-mente. Jin Shin Do si differenzia dall'agopuntura poichè non vengono utilizzati aghi ed il cliente viene sostenuto tramite un tocco speciale in grado di evocare un senso di avvolgimento, di coinvolgimento e di sicurezza. La pressione si differenzia da quella dello Shiatsu per essere più lenta e calma ed avere un effetto più profondo sull'armatura muscolare. 

 

Jin Shin Do si basa sui "Vasi Curiosi", una sorta di scorciatoia per raggiungere l'equilibrio energetico. Utilizza un sistema particolare formato da 45 punti, una mappa colorata e una serie di "flussi" (un flusso é una sorta di formula di punti) in grado di rendere semplice ed alla portata di tutti l'utilizzo dello Jin Shin Do per se stessi, per la famiglia e per gli amici. Lo studente può poi approfondire e continuare gli studi imparando i 12 "Meridiani organici" oltre che un altro centinaio di punti. Durante i corsi s'impara a combinare questi potenti punti premendo uno o più "punti distali" combinati con un punto di tensione detto "punto locale". Il punto distale aiuta l'area tesa a lasciarsi andare più facilmente, più profondamente e più piacevolmente. 

 

Il rilascio delle tensioni favorisce il benessere psicofisico, insegnando al cliente che trasformare il dolore é un tipo di sostegno psicologico. La teoria della digitopressione dice che il benessere psicofisico viene anche influenzato dall'equilibrio energetico dei "canali", detti anche "meridiani". Essi sono delle linee, con una serie di punti a loro annessi, attraverso cui scorra il Qi (energia). Coloro che si sono sottoposti ad una seduta di JSD affermano di aver sperimentato la sensazione del "flusso energetico" simile ad un senso piacevole di "formicolio" o di "calore". 

 

Per maggiori informazioni consultare il testo: L'Agopressione Jin Shin Do (in italiano), The Joy of Feeling: Bodymind Acupressure (solo in lingua inglese) e Guida Completa all' Agopressione (in italiano) di Iona Marsaa Teeguarden. Per istruzioni qualificate ed applicazioni professionali di Jin Shin Do, rivolgetevi ad un istruttore autorizzato. Al fine di proteggere la qualità dell'arte, il termine "Jin Shin Do" ed il logo sono stati registrati nei seguenti Paesi: Stati Uniti, Canada, Svizzera, Germania, Inghilterra, Svezia, Norvegia, Olanda ed in tutta la Comunità Europea. La JSDF è stata fondata nel 1982 (per maggiori informazioni su corsi o prodotti richiedere il Notiziario della JSDF).


Trattamenti Jin Shin Do®

“Jin Shin Do®” significa “La Via dello Spirito Compassionevole”. I trattamenti di Jin Shin Do®  utilizzano una digitopressione delicata, ed allo stesso tempo profonda, applicata su specifici punti (gli stessi utilizzati anche in agopuntura). Il fine è quello di liberare l'“armatura” (tensione cronica), bilanciare il “Qi” (energia) e migliorare la vitalità.

Questo metodo, applicato mentre il ricevente rimane vestito, aiuta ad alleviare i disagi legati a stress e traumi.

Jin Shin Do® è riconosciuto negli USA come una delle principali forme di Asian Bodywork Therapy (tra gli altri da NCCAOM® & AOBTA®).

La digitopressione Jin Shin Do®, creata dalla psicoterapeuta Iona Marsaa Teeguarden, promuove un piacevole stato di trance, in cui è possibile rilassarsi e “lasciare andare” la testa per entrare maggiormente nel corpo, accedendo alle proprie sensazioni ed alla propria saggezza interiore.

__________________________________________________________________________

La digitopressione Jin Shin Do® non è da considerarsi una tecnica di diagnosi, di terapia o di cura delle patologie. E' invece una tecnica di rilassamento e un utile complemento alle cure mediche o psicologiche effettuate da personale qualificato. In presenza di sintomi persistenti, anche apparentemente di lieve entità, suggeriamo di rivolgersi al proprio medico. Quando utilizzato in contemporanea ad una cura medica, La digitopressione Jin Shin Do® può assistere il processo di guarigione rilasciando le tensioni, riducendo lo stress e stimolando il senso di benessere

                                                           Jin Shin Do®

Emozioni represse, comportamenti controllati, un corpo rigido e scoordinato. Impieghiamo così tanta energia per trattenere emozioni negative che diveniamo incapaci di vivere anche quelle positive.

Esiste una tecnica semplice, delicata, la Digitopressione Jin Shin Do® che offre una via naturale per affrontare gli stress emozionali e fisici della vita.

  Jin Shin Do® (La via dello spirito compassionevole) nasce nel 1976 dalla Psicoterapeuta californiana Iona Marsaa Teeguarden ed è una tecnica energetica che unisce ed integra, in modo sapiente, le conoscenze delle antiche arti e filosofie orientali come il Taoismo, la Medicina Tradizionale Cinese, esercizi di respirazione Chi Kung e digitopressione Giapponese, alle conoscenze occidentali in campo psicologico come il Body Focusing di Gendlin, tecniche di comunicazione Ericksoniana, teoria segmentale di Reich